€ 19.00

L’Autore di questo racconto, che tratta della sua presenza a Berlino suo malgrado, negli anni 1944/45, direttamente quindi coinvolto al centro dei tragici fatti che misero fine in Europa al “Secondo Conflitto Mondiale”, ha scelto come titolo del suo impegno quello della poesia composta da un suo grande Amico ed in parte a lui stesso dedicata. Noi, dopo aver letto con interesse i contenuti, piacevolmente sorpresi di come sono stati riportati episodi certamente drammatici, ma in modo volutamente scanzonato, siamo rimasti nella convinzione che al titolo siano stati attribuiti due opposti significati: completa sfiducia nell’avvenire nel primo caso, riferendosi ad una insanabile ferita, al contrario della palese convinzione che qualsiasi ferita può e deve rimarginarsi. Conoscendo l’Autore e le sue origini, appartenenti al mondo dello spettacolo, lo riteniamo sicuramente convinto che occorra credere fermamente nella ormai famosissima frase: “lo spettacolo continua!” Gli Amici

Dello stesso autore

Non risultano ulteriori libri disponibili.

Recensioni Clienti (0)

Non ci sono ancora recensioni

Scrivi la tua recensione

Riceverai una mail per confermare il tuo indirizzo e il messaggio inserito. L'IP registrato è 54.224.121.67